La verità della rosa

"Attraverso l'intelletto possiamo conoscere il mondo fisico e qualcosa appena del mondo psichico, ma niente di più.
L'intelletto è infatti una facoltà molto ridotta che non ci permette di conoscere tutta la verità. Prendete una rosa, ad esempio: la verità della rosa non è soltanto la sua forma, il suo colore, il suo profumo, ma un'emanazione, un'esistenza, un'anima che non può essere afferrata dall'intelletto; per conoscerla è necessario penetrare tutto quell'insieme di elementi che fa di essa una rosa e dunque afferrare la sua quintessenza.
E lo stesso vale per l'essere umano: la verità su di lui inglobatutto ciò che lo riguarda, non solo il suo corpo fisico, ma anche i suoi pensieri, i suoi sentimenti, i suoi desideri, le sueaspirazioni più elevate. Finché non le conoscete, non potete sapere la verità su di lui. Conoscete l'apparenza, ma non la verità. La verità è una sintesi che può essere conosciuta solo dallo spirito."
Omraam Mikhaël
Aïvanhov